Ex minimi, studi di settore con i dati ricavati da Unico

Con la circolare n. 23/E del 15 luglio 2013 l’Agenzia delle Entrate, in contrasto con le istruzioni di Gerico 2013, afferma che gli imprenditori ex minimi devono compilare gli studi di settore per il 2012 prendendo i dati direttamente dai quadri Fo G di Unico Pf, senza togliere le rettifiche registrate nel 2012 e derivanti dal passaggio dal regime di cassa a quello di competenza. Per evitare salti o duplicazioni di imposta, nel passaggio dal regime dei minimi a un qualunque regime ordinario, ‘i ricavi, i compensi e le spese sostenute’ che hanno già concorso a formare il reddito del minimo, non rilevano per il ‘reddito dei periodi di imposta successivi’, ancorché di competenza di tali periodi. Viceversa quelli di competenza del periodo soggetto al regime dei minimi, ma che non hanno concorso a formare il reddito di quel periodo, sono rilevanti successivamente, quando si verificano i presupposti previsti dal regime dei minimi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...