Scambio dati, utilizzo ampio

Su tutti i tavoli internazionali sono in corso i lavori per abbattere le ulteriori barriere rimaste alla cooperazione automatica in materia fiscale. In attesa che vengano messi a punto nuovi strumenti per combattere l’evasione transfrontaliera, l’Agenzia delle Entrate chiede ai suoi uffici di utilizzare al meglio quelli esistenti. Con la circolare 25/E/2913 la stessa Amministrazione finanziaria ha suggerito di fare ricorso allo strumento della richiesta di informazioni ogni qual volta si ravvisi la necessità di approfondire aspetti che, in fase di controllo, inducano a presumere l’occultamento di redditi esteri, ovvero l’indebito trasferimento all’estero di base imponibile. La circolare sollecita un più ampio utilizzo dello scambio spontaneo di dati verso le tax authorities straniere, soprattutto in materia di Iva, dato che il flusso verso l’estero, anche nel 2012 è risultato molto inferiore a quello di entrata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...