Tasi, comuni con poche opzioni

I tecnici del Servizio bilancio del Senato nella nota sulla legge di stabilità di ieri hanno chiarito che la nuova Tasi può limitare la capacità di manovra dei Comuni in cui ci sono molte prime abitazioni e quindi aliquote vincolate. E, se l’introduzione del Trise indurrebbe i contribuenti ad usare maggiore cautela, rimandando almeno in parte gli interventi per la riqualificazione energetica servendosi degli incentivi, è difficile verificare la fondatezza del gettito previsto dalla dismissione di edifici pubblici. I numeri dicono che dal Piano straordinario di dismissioni il Governo attende introiti per non meno di 500milioni annui per il periodo 2014-2016. Sul versante fiscale gli esperti avvertono che gli effetti della rimodulazione di alcune imposte sugli immobili potrebbero indurli a rinviare l’intenzione di servirsi degli sgravi per l’efficienza energetica delle abitazioni almeno fino a quando non sarà più chiaro capire come cambiano le proprie disponibilità economiche a seguito delle novità legislative.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...