L’Istat ‘rientra’ nel redditometro

Redditometro. I valori Istat rientrano in gioco per le spese per elementi certi. Contrariamente a quanto ritenuto ‘mediaticamente’ per le spese per elementi certi si considereranno i valori Istat. Questo in quanto l’intervento del Garante della privacy si riferisce alle spese correnti. Per le abitazioni saranno considerati i valori Istat relativi ad acqua, condominio, manutenzione ordinaria, elettodomestici, arredi ecc. Vi rientrano anche i telefoni cellulari. In merito all’invito a fornire dati e notizie l’Agenzia delle Entrate precisa che per chi non si presenta al contraddittorio sono previste sanzioni ( da 258 a 2.065 euro) e la preclusione alla possibilità di produrre documenti nelle fasi successive. Chi si presenta ma non produce tutti i dati potrà però farlo nelle fasi successive. Infine, le Entrate precisano che si considererà anche la quota di risparmio dell’anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...