Servizi fieristici alla ricerca di identità per applicare l’Iva

Servizi fieristici in cerca di identità ai fini dell’applicazione dell’Iva. La qualificazione delle prestazioni rese dagli organizzatori alle imprese espositrici, costituite da una pluralità di elementi, a cominciare dalla messa a disposizione degli spazi, continua a oscillare tra servizi immobiliari e servizi generici. L’incertezza genera difformità di comportamento molto problematiche nei rapporti transfrontalieri, con il rischio per gli operatori di andare incontro a tutte le conseguenze connesse all’applicazione dell’Iva ‘sbagliata’. Neppure il recente regolamento n. 1042/2013 appare risolutivo: sebbene sia stato concepito per risolvere questioni del genere, si limita ad affermare la natura generica delle prestazioni di ‘messa a disposizione di stand in fiere o luoghi di esposizione’, chiarendo così ciò che è già stato chiarito dalla Corte di giustizia Ue.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...