La frode carosello perde detrazioni e non imponibilità

Linea dura della Cassazione contro le truffe internazionali. Con la sentenza relativa alle cause riunite C-131/13, C-163/13 e C-164/13, la Corte Ue ha affermato che il contribuente che partecipa a una ‘frode carosello’ può vedersi negare la detrazione e il rimborso dell’Iva pagata a monte per l’acquisto dei beni oggetto della frode. Al medesimo contribuente può essere richiesta l’Iva sulla cessione intracomunitaria effettuata con perdita del beneficio della ‘non imponibilità’. L’evasione commessa nello Stato membro di arrivo, inoltre, non pregiudica il recupero dell’imposta nello Stato membro di partenza anche in assenza di disposizioni legislative specifiche in quest’ultimo Stato. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...