Dichiarazione ‘corretta’ anche in sede di impugnazione

Il contribuente che ha pagato l’imposta non dovuta può emendare la dichiarazione anche in sede di impugnazione dell’atto impositivo. Ciò per non assoggettare ad imposte non dovute i redditi conseguiti. Lo ha confermato la Corte di cassazione con la sentenza n. 4049 depositata ieri. La vicenda trae origine dall’impugnazione di una cartella di pagamento relativa all’Irap dovuta e non versata di una società in liquidazione. L’imposta era frutto di un errore commesso nella compilazione della dichiarazione presentata. Nella base imponibile era stata inclusa anche la plusvalenza derivante da una cessione di azienda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...