Manutenzione degli impianti, Iva con il reverse charge

Con la circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate precisa che anche le prestazioni di riparazione e manutenzione degli impianti degli edifici, se rese a soggetti passivi, scontano l’Iva con il meccanismo dell’inversione contabile. Queste prestazioni sono infatti menzionate tra quelle che la tabella Ateco codifica quali attività di installazione di impianti. Quanto alle prestazioni di ‘completamento’ degli edifici, il termine è impiegato dal legislatore in modo atecnico; anche in tal caso va fatta riferimento alla tabella Ateco con la conseguenza che, per esempio, le prestazioni di rifacimento della facciata di un edificio rientrano fra quelle di completamento e sono, pertanto, sottoposte al meccanismo speciale. L’inversione contabile non si applica se il committente si avvale di regimi particolari che prevedono l’esonero dagli adempimenti contabili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...