La compensazione non decolla

Al convegno Equitalia-Cndcec-Fnc di ieri è emerso che la compensazione tra cartelle di pagamento e crediti commerciali vantati dai fornitori della Pa non decolla. Dal 2012 le imprese italiane l’hanno utilizzata solo in 900 occasioni, per un valore economico di 52,5 milioni. La media delle compensazioni si è però attestata su una soglia piuttosto elevata (58mila euro). La spiegazione potrebbe dipendere dal fatto che per procedere l’impresa creditrice deve prima ottenere la certificazione del credito tramite la piattaforma informatica del Mef. Un aggravio amministrativo che potrebbe scoraggiare i fornitori che vantano crediti modesti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...