Reverse charge, decisivo l’intervento principale

Autore:Benedetto Santacroce
Fonte:II Sole 24 Ore pag: 52

Le nuove ipotesi di reverse charge Iva, introdotte con la legge di stabilità 2015, danno non pochi problemi operativi ai contribuenti che, di volta in volta, devono verificare se l’operazione realizzata vada sottoposta o meno al meccanismo di fatturazione. Proprio in ragione di questa difficile situazione che si è venuta a creare Confindustria, con un articolato documento, ha cercato di analizzare le diverse problematiche, chiedendo alle Entrate di intervenire sul tema per fornire ulteriori precisazioni. Il pregio del documento non è solo quello di identificare i casi più complessi, ma l’aver tentato, alla luce dei principi Iva che dovrebbero sempre ispirare la lettura e l’applicazione del meccanismo del reverse charge, di fornire criteri interpretativi da cui l’Amministrazione finanziaria potrebbe prendere spunto per fornire delucidazioni a riguardo. L’articolo prosegue con l’analisi di una serie di problematiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...