Insufficiente il timbro postale per attribuire la ‘data certa’

Autore:Ferruccio Bogetti e Gianni Rota
Fonte:Il Sole 24 Ore – Norme e Trib. pag: 20

Redditometro. Per provare che l’acquisto è simulato non basta il timbro postale sulla dichiarazione. Serve la prova che il documento sia stato sottoscritto antecedentemente alla notifica dell’accertamento. Inoltre servono l’indicazione datata e sottoscritta del numero delle pagine, la dichiarazione corredata da idonea dicitura e l’annullamento dei francobolli apposti con il timbro postale. Infine, non è possibile sostituire la prova col mancato addebito sul conto corrente bancario dell’importo delle azioni acquistate in quanto il pagamento può avvenire con altre modalità. Ad affermarlo la Commissione tributaria regionale della Lombardia con la sentenza 2896/65/2015.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...