Rimborsi auto esenti se la trasferta è ‘breve’

Autore:Tonino Morina
Fonte:II Sole 24 Ore pag: 20

Rimborsi auto ai dipendenti. Con la risoluzione n. 92/E del 30 ottobre 2015 l’Agenzia delle Entrate ha affermato che se la distanza percorsa dal dipendente per raggiungere dalla propria residenza la località di missione è inferiore rispetto a quella calcolata dalla sede di servizio e al lavoratore è riconosciuto, in base alle tabelle Aci, un rimborso chilometrico di minore importo rispetto a quello dalla sede, questo è escluso dalla tassazione, a norma dell’articolo 51, comma 5, secondo periodo, del Testo unico delle imposte sui redditi. Se, invece, la distanza percorsa e il rimborso chilometrico sono maggiori, la differenza è reddito imponibile, a norma dell’articolo 51, comma 1.

Reverse charge a sanzione fissa

Autore:Giovanni Musso
Fonte:Italia Oggi pag: 41

Sanzione fissa per omessa applicazione del reverse charge anziché applicazione della sanzione dal 100% al 200% dell’imposta non evidenziata in fattura, in linea sia con i principi di proporzionalità, ovvero correlando la sanzione all’effettivo danno erariale, sia con il recente orientamento della Corte di cassazione (sentenza n. 7576 del 15/04/2015). E’ stato pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7 ottobre 2015 il decreto legislativo n. 158/2015 sulla revisione del sistema sanzionatorio penale e amministrativo. Il decreto modifica l’art. 6 del dlgs 471/97 riscrivendo i commi da 9 bis a 9 bis3 in tema di reverse charge. La nuova norma prevede una sanzione fissa da un minimo di 500 euro a un massimo di 20mila euro quando il committente registri il documento e non osservi gli adempimenti legati all’inversione contabile.

Agricoltori, manovra trappola

Autore:Fabrizio G. Poggiani
Fonte:Italia Oggi pag: 41

Dal periodo d’imposta 2016, ulteriore rivalutazione del 30% dei redditi dominicali e agrario, con possibile aggravio dell’imposizione diretta per i produttori agricoli. Raddoppiata (dal 4% all’8%) l’imposta sostitutiva per la rideterminazione del valore di acquisto dei terreni. Il ddl Stabilità elimina l’Imu e l’Irap per i produttori agricoli ma prevede anche qualche misura sfavorevole per il comparto agricolo, con un possibile incremento della pressione fiscale sui redditi fondiari. Cessioni dei terreni: l’imposta di registro passa dal 12 al 15% per i soggetti diversi da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali. Dal 1°gennaio 2017 sarà abrogato il regime di esonero destinato agli agricoltori. Ciò comporta inevitabilmente l’abrogazione di particolari agevolazioni, soprattutto in ordine all’emissione delle fatture, alla compensazione dell’Iva e agli obblighi di tenuta della contabilità, con un evidente aggravio di costi e adempimenti, anche di natura tributaria.

Medici di base in bilico

Autore:Valerio Stroppa
Fonte:Italia Oggi pag: 39

L’Irap dei medici di base resta ancora appesa al verdetto delle sezioni unite della Cassazione. A seguito del contrasto giurisprudenziale registrato negli ultimi anni, non è possibile stabilire univocamente se il medico di famiglia che si avvale di una segretaria possiede quella ‘autonoma organizzazione’ che costituisce il presupposto del tributo. A ribadirlo è stato ieri il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, rispondendo presso la commissione Finanze della Camera a un’interrogazione di Sebastiano Barbanti (Alternativa libera).

Bollo, nessuno sconto sulle auto over 20

Autore:Valerio Stroppa
Fonte:Italia Oggi pag: 39

Nessuno sconto sul bollo delle auto storiche ultraventennali. L’esenzione dalla tassa si applica solo ai veicoli immatricolati da 30 anni o più, come previsto dalla legge n. 190/2014. Le regioni non possono decidere diversamente: le 4 che lo hanno fatto (Basilicata, Trentino, Umbria e Veneto) sono state portate dal Governo davanti alla Corte costituzionale, presso la quale i giudizi di legittimità risultano ancora pendenti.

La fiscalità fa rotta su Tenerife

Autore:Gloria Grigolon
Fonte:Italia Oggi pag: 38

Tenerife si proclama paradiso white list. Logistica, audiovisivo e new tech i settori di attività più interessanti al trasferimento. A preferire l’isola delle Canarie, che applica pienamente il diritto comunitario, ma che beneficia di importanti agevolazioni in termini di tassazione, sono non solo gli italiani e i tedeschi, ma anche inglesi e imprenditori dell’Est Europa. In un periodo di forte contrasto all’evasione e di lotta ai regimi black list è atipica la presenza di uno stato che si proclama nuovo paradiso fiscale, dietro approvazione dell’Unione europea.

Dati entro il 30 dicembre per tutte le domande

Autore:Marco Piazza
Fonte:II Sole 24 Ore pag: 51

Voluntary disclosure. La presidenza del Consiglio dei ministri, con un documento dello scorso 20 ottobre, fuga ogni dubbio sull’efficacia della proroga dei termini per la trasmissione agli uffici della relazione accompagnatoria alle richieste di ammissione alla procedura di collaborazione volontaria e dei relativi documenti. La proroga al 30 dicembre 2015 vale sia per le domande presentate entro il 30 settembre sia per quelle presentate entro il 30 novembre. Il documento (un errata corrige) contiene l’Analisi tecnico-normativa e l’Analisi di impatto della regolamentazione, relative al dl 30 settembre 2015 n. 153 e un’avvertenza al documento precisa che le due analisi si intendono inserite nell’A.S. 2070 dopo la Relazione tecnica.