Il payback apre al recupero dell’Iva

Autore:Antonio Iorio
Fonte:II Sole 24 Ore pag: 43

Le somme corrisposte dalle aziende farmaceutiche e dalle farmacie alle Regioni (il cosiddetto payback) per la commercializzazione di determinati medicinali devono essere decurtate dalla base imponibile Iva. Ne coonsegue la possibiità di detrarre tale imposta o, se già versata, di ottenerne il rimborso. Ad affermarlo la Ctp di Venezia con la sentenza 316/13/2016. Per i giudici di merito il payback ha natura di sconto sul prezzo praticato e conseguentemente riduce la base imponibile. Quindi può essere oggetto di una nota di variazione Iva con successiva attribuzione della quota di Iva versata al cessionario e della detrazione per il cedente, ovvero, in alternativa, di un’istanza di rimborso, atteso che l’applicazione dell’imposta sul prezzo pieno comporta la determinazione di una base imponibile eccedente quella prevista dalla legge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...