Redditometro, difesa più facile

Autore: Antonio Iorio
Fonte: II Sole 24 Ore pag: 49
Con la sentenza n. 21142 depositata ieri, la Corte di cassazione ha affermato che nel redditometro può trovare applicazione a favore del contribuente la presunzione di gratuità prevista nei trasferimenti immobiliari tra parenti ai fini dell’imposta di registro. Questa presunzione, infatti, è applicabile anche per altri tributi e spetta al giudice di merito verificarla in base alle prove fornite. In questo modo diventa più facile fornire una prova contraria alle contestazioni basate sul redditometro. I giudici di legittimità, accogliendo la tesi difensiva, hanno sostenuto che è possibile far leva sulla presunzione di gratuità nei passaggi immobiliari. Tale presunzione può essere usata dal contribuente per contestare l’accertamento da redditometro quando il cedente è un parente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...