La corsa agli aiuti dei neo-genitori

Autore: Michela Finizio e Valentina Maglione
Fonte: II Sole 24 Ore pag: 6
Quasi la metà dei neo-genitori ha chiesto nel 2015 il bonus bebè. Mentre i fondi stanziati per i voucher per la baby sitter e l’asilo nido – riservati alle lavoratrici ed esauriti già a luglio – sono bastati appena per il 2% delle mamme. I dati dell’Inps fotografano la corsa alle misure di sostegno ai nuovi nati, che il disegno di legge di bilancio all’esame della Camera rilancia per il 2017. E le preferenze manifestate finora possono fare da guida per misurare l’efficacia degli interventi in cantiere. La maggior parte delle mamme ha chiesto il buono per retribuire la baby sitter. Solo una su sette lo ha sfruttato per coprire la rata del nido. Questa preferenza si scontra con la decisione del Governo di introdurre il bonus nido da mille euro. Dai dati Inps emerge la domanda di un aiuto ‘extra’ tra le mura domestiche da parte dei genitori che lavorano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...