Documenti e annotazioni in aumento

Autore: Gianfranco Ferranti

Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Trib. pag: 15

Gli adempimenti contabili delle imprese minori sono destinati a crescere, a meno che non si opti per il criterio che consente di far coincidere il criterio di cassa con quello della registrazione dei documenti ai fini dell’Iva. L’impresa che applica il criterio di cassa deve, infatti, conservare anche la documentazione relativa agli incassi e ai pagamenti per dimostrare la correttezza delle annotazioni effettuate. Le registrazioni contabili risulteranno frequentemente superiori a quelle necessarie in vigenza del criterio di competenza e appare opportuno tenere memoria delle rimanenze, anche se non concorrono più a formare il reddito. Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza potranno continuare a verificare le giacenze di magazzino al fine di controllare la corrispondenza alla realtà degli acquisti e dei ricavi dichiarati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...