Compenso dell’amministratore indeducibile senza delibera

Serve una delibera assembleare per rendere deducibili i compensi dell’amministratore della società. Non conta il fatto che l’assemblea abbia comunque approvato i bilanci nei quali erano contabilizzati tali compensi e per effetto della tassazione subita dall’amministratore non sia stato cagionato alcun danno all’erario. Ad affermarlo sono stati i giudici di legittimità con la sentenza n. 17673 depositata ieri. Il caso concerneva una società a cui era stata contestata la deducibilità dei compensi erogati all’amministratore poiché non era stato deliberato preventivamente dall’assemblea, né previsto dallo statuto.